IL PROGETTO

La psicomotricità è una pratica che favorisce l’evoluzione del bambino attraverso il gioco, rispettando la sua globalità e i suoi tempi di crescita. L’attività verrà svolta all’interno della scuola materna, i bambini saranno suddivisi con le insegnanti e le psicomotriciste, in piccoli gruppi divisi per età omogenea.

Nel condurre i gruppi saranno sempre presenti due psicomotriciste sono diplomate con diploma di 2400 ore come richiesto dalla legge, e riconosciute specialiste in PPA dall’ EIA (Ecole International Aucouturier)

  

GLI INCONTRI

L’attività comprende 10-15 incontri, uno a settimana, della durata di 50 minuti.

Ogni incontro è suddiviso in tre tempi:

  • un momento iniziale dell’accoglienza, in cui vengono salutati i bambini, viene presentata la sala con il materiale, vengono ricordati i “patti” e i tempi dell’incontro
  • il tempo dei giochi
  • un tempo finale di elaborazione-rappresentazione (uso di plastilina, colori, costruzioni e lettura di una storia)

 

GLI SPAZI

Lo spazio per l’attività psicomotoria, è un luogo pensato e costruito, in modo da permettere al bambino di potersi esprimere attraverso il corpo, nella relazione con gli oggetti, con lo spazio, e nella relazione con i pari e gli adulti. È uno spazio che comprende tre luoghi:

  • Lo spazio senso-motorio: Spazio nel quale il bambino può sperimentarsi nella conoscenza e nella ricerca delle potenzialità del proprio corpo, nell’azione e nel movimento.
  • Lo spazio del gioco simbolico: in quest’area di gioco, il bambino afferma la propria competenza sugli oggetti, dando loro significati a livello simbolico. Con l’utilizzo del materiale, non strutturato, il bambino gioca a “far finta di”, riproponendo situazioni di ri – creazione o rappresentazione della realtà.. E uno spazio che favorisce la relazione e la ricchezza espressiva originale di ogni bambino.
  • Lo spazio della rappresentazione: Luogo per favorire l’evoluzione dei bambini verso forme di creazioni cognitive, nella possibilità di elaborare ciò che ha prima vissuto attraverso il gioco. Il ruolo della psicomotricista è quello di favorire, senza induzioni, il gioco del bambino di accompagnarlo, aiutarlo nel suo percorso di conoscenza, di crescita di scoperta.

 

Alla fine degli incontri ci sarà un momento di scambio e di restituzione sull’esperienza dei bambini, sia con il gruppo dei genitori, sia con le insegnanti e gli psicomotricisti.

 

ABBIGLIAMENTO

È importante che i bambini abbiano un abbigliamento comodo e sicuro per poter giocare liberamente e comodamente.

 

 

INIZIO DELLE LEZIONI 

Il calendario è in fase di definizione